I computer e la stampa digitale



Recita la definizione: stampa digitale è un termine generico per identificare un sistema di stampa dove la forma da stampare viene generata attraverso processi elettronici e impressa direttamente sul supporto da stampare. In effetti, la stampa digitale sta progressivamente sostituendo quella in offset che già ebbe modo di soppiantare la tradizionale stampa in rilievografia, ossia quella composta dai vecchi piombi. Varie sono le motivazioni che spingono alla digitalizzazione della stampa che assicura una esatta riproduzione del file che è stato precedente memorizzato come elemento di stampa.

La stessa può avvenire sia con stampanti a toner che utilizzano un rullo elettrostatico che viene caricato elettricamente nelle zone ove è necessario l'apporto di inchiostro, sia con stampanti laser che con macchine a getto di inchiostro. Ogni stampante comunque utilizzata è in grado a realizzare la stampa digitale che genericamente è più competitiva con la stampa offset e che si realizza in tempi molto più brevi non abbisognando di impianti o computer to plate.

Può quindi essere considerata una nuova frontiera e comunque una valida alternativa laddove il numero dei pezzi da stampare non sarebbe conveniente se fatta in altro modo. Solitamente queste macchine digitale hanno dimensioni di una piccola offset e sono totalmente autonome (di solito un computer è direttamente integrato nella macchina stessa). Solitamente sono adatti per formati di stampa piuttosto ridotti e quindi poco versatili per esaudire richieste di formati particolarmente significativi. Tutto sommato la stampa digitale risulta conveniente soprattutto se il numero delle copie da stampare non è elevato.

Differenze tra un computer desktop e notebook

Un computer desktop ed un notebook sono chiaramente entrambi computer, ma si differenziano per diversi aspetti che possono rendere preferibile l'uno rispetto all'altro, a seconda delle esigenze dell'utilizzatore.

Partiamo da la differenza principale, l'ingombro. Nella maggior parte dei casi un computer desktop ha un ingombro maggiore rispetto ad un notebook, anche se l'evolversi della tecnologia ha fatto sì che anche i computer desktop abbiano un ingombro sempre minore. Si pensi ad esempio ai computer prodotti da Apple, dove l'unità di sistema (la parte che contiene tutti i componenti che permettono il funzionamento della macchina) è incorporata nello schermo

L'uso di un notebook è consigliato a chi ha la necessità di utilizzare il computer in mobilità (ad esempio a casa ma anche al lavoro) o durante gli spostamenti, mentre il desktop è preferibile per chi utilizza il computer prevalentemente dallo stesso luogo. Il notebook è stato concepito proprio per essere uno strumento sempre a disposizione, ovunque ci si trovi, ma un computer desktop potrebbe avere notevoli vantaggi per diversi tipi di utilizzo. Ad esempio chi ha la necessità di lavorare su uno schermo molto grande (si pensi ai lavori di grafica) potrebbe ottenere maggiori vantaggi dall'hardware più potente offerto dal desktop, così come chi utilizza più schermi affiancati.

Passiamo ora ad analizzare i diversi componenti che permettono il funzionamento di un computer. Solitamente un computer desktop possiede un'unità di sistema, uno schermo, una tastiera ed un mouse. Questi stessi componenti sono presenti anche in un notebook, ma la differenza è che essi sono integrati nella macchina. Per quanto riguarda poi le periferiche esterne come stampanti o scanner, in entrambe le tipologie esse sono sempre esterne al computer e non ci sono quindi differenze nella scelta dell'uno o dell'altro tipo.

Alcune case produttrici di notebook, per rendere i propri prodotti sempre più leggeri e sottili, hanno scelto di eliminare alcuni componenti ritenuti di scarso utilizzo, come lettore CD/DVD e masterizzatore. Essi sono invece sempre presenti nei desktop, ragione per la quale si consiglia di tenere in considerazione tutte le esigenze di utilizzo prima di optare per l'uno o per l'altro tipo.

I computer desktop, per la presenza di un'unità di sistema esterna, hanno il vantaggio di poter essere modificabili dall'utilizzatore o da un tecnico con interventi poco complessi (si pensi ad esempi all'espansione della memoria), operazione molto più complessa in un notebook, a causa della scarsità di spazio e delle difficoltà che l'intervento su questo tipo di computer comporta.

Le superiori prestazioni dei computer desktop rispetto alla maggior parte dei notebook era uno dei punti a favore della prima tipologia fino a qualche anno fa. Se questo può essere ancora vero per i notebook più comuni, non corrisponde però più al vero per quanto riguarda i notebook di ultimissima generazione, che hanno però a loro svantaggio un prezzo di acquisto molto superiore.